Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Ambasciatore

 

Ambasciatore

Pasquale Ferrara (1958)

Si è laureato nel 1981 in Scienze Politiche – indirizzo politico-internazionale – presso la storica Università “Federico II” di Napoli, con una tesi in storia delle dottrine politiche dedicata al personalismo comunitario e alla rivista “Esprit” di Emmanuel Mounier.
Ha poi frequentato il Corso di specializzazione post-Laurea presso la Società Italiana per l’Organizzazione Internazionale a Napoli e, in seguito, la Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione (concorso-corso).
Nel 1984 è entrato per concorso nella carriera diplomatica, ed ha prestato servizio, tra l’altro, presso la Direzione Generale per gli Italiani all’estero, occupandosi della questione dei desaparecidos di origine italiana in Argentina; presso il Gabinetto del Ministro nel settore dei rapporti con il Parlamento su questioni di politica estera; e, successivamente (1987-88), presso l’Ufficio del Consigliere Diplomatico del Presidente della Repubblica, lavorando alla preparazione dei dossier e dei discorsi del Capo dello Stato in occasione dei suoi viaggi all’estero.
Ha svolto diversi incarichi presso rappresentanze diplomatico-consolari italiane, in particolare a Santiago del Cile (1989 al 1992), durante il processo di transizione alla democrazia dopo la fine del regime di Pinochet, Atene (come Console, 1992-1996) in un contesto critico nell’area balcanica anche sotto il profilo sociale e migratorio a causa della dissoluzione della Jugoslavia, per la questione della denominazione della ex-repubblica jugoslava di Macedonia e per il confronto greco-turco sulla sovranità di alcune isole dell’Egeo. Tornato a Roma nel 1996, ha coordinato, dalla Segreteria Generale, la realizzazione del primo Libro Bianco sulle attività del Ministero degli Esteri. E’ stato poi assegnato a Bruxelles (alla Rappresentanza d’Italia presso l’Unione Europea, 1999-2002), dove ha seguito le questioni istituzionali, partecipando ai negoziati che portarono al Trattato di Nizza contribuendo con studi e documenti alla definizione della posizione italiana e seguendo sia la Convenzione per i diritti fondamentali dell’Unione Europea che l’avvio della Convenzione “costituzionale”, assistendo i delegati italiani. Successivamente, come consigliere politico a Washington (2002-2006) ha seguito le questione del programma nucleare nord-coreano ed è stato responsabile del dossier Iraq. Tornato a Roma, è stato dal 2006 al gennaio 2009 capo del servizio stampa e portavoce del Ministro e, dal febbraio del 2009 a giugno 2011, capo dell’unità di analisi e programmazione del Ministero degli Esteri, occupandosi, tra l’altro, del coordinamento tra gli uffici di pianificazione strategica dei Ministeri degli Esteri in occasione della Presidenza italiana del G8 e lanciando il programma di approfondimento sulle implicazioni del rapporto tra religioni e relazioni internazionali.
Dal luglio 2011 al febbraio 2016 è stato Segretario Generale dell’Istituto Universitario Europeo di Firenze - organizzazione internazionale e centro accademico di eccellenza pan-europeo – occupandosi, tra l’altro, delle relazioni istituzionali interne ed esterne, dei rapporti con gli Stati membri e gli organi dell’Unione Europea e dei principali eventi pubblici connessi alle politiche europee.

Da molti anni affianca il servizio diplomatico con un’attività accademica e di ricerca sulla teoria e la pratica delle relazioni internazionali. E’ attualmente docente a contratto di “Negotiation and diplomacy” presso la Facoltà di Scienze Politiche della LUISS e presso la “School of Government” dello stesso Ateneo, nonché di “Relazioni internazionali e processi integrativi” presso l’Istituto Universitario “Sophia”.
Ha pubblicato numerosi articoli ed interventi su riviste specializzate, ed è tra l’altro autore dei seguenti volumi:
• La pace transnazionale. Per un nuovo pluralismo nella politica mondiale, Città Nuova, Roma 1989
• L’uno plurale. Identità e differenza nel mutamento internazionale, Città Nuova, Roma 1990
• Aproximación a América (con Riccardo Campa), Editorial Atena, Santiago del Cile, 1993
• Non di solo Euro. La filosofia politica dell’Unione Europea, Città Nuova, Roma 2002
• Lo stato preventivo. Democrazia securitaria e sicurezza democratica, Rubbettino, Soveria Mannelli 2010
• Global Religions and International Relations. A Diplomatic Perspective, Palgrave MacMillan, New York 2014 (tr.it. Religioni e relazioni internazionali. Atlante teopolitico, Città Nuova, Roma 2014)
• La politica inframondiale. Le relazioni internazionali nell’era post-globale, Città Nuova, Roma 2014
• Il mondo di Francesco. Bergoglio e la politica internazionale, San Paolo, Cinisello Balsamo 2016

Parla inglese, francese e spagnolo; ha un’elementare conoscenza del neo-greco e qualche nozione di tedesco. E’ sposato dal 1985 con Silvana Porrino, ed hanno tre figli: Marco, Claudio e Paolo.

Commendatore dell'Ordine al Merito della Repubblica


29