Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Nuovo coronavirus / COVID-19: informazioni utili.

Data:

29/11/2021


Nuovo coronavirus / COVID-19: informazioni utili.

INDICE DEI CONTENUTI

1) SITUAZIONE IN ALGERIA

2) COLLEGAMENTI INTERNAZIONALI E CON L’ITALIA: MISURE RESTRITTIVE VIGENTI PER I VIAGGI VERSO L'ALGERIA

3) INFORMAZIONI E CONDIZIONI PER L'INGRESSO IN ITALIA PER CITTADINI ITALIANI E STRANIERI

4) INFORMAZIONI SULL’OPERATIVITA’ DEI SERVIZI CONSOLARI E SUL RILASCIO DEI VISTI D'INGRESSO

5) VACCINAZIONE DEI CITTADINI ITALIANI IN ALGERIA

***

1) SITUAZIONE IN ALGERIA

Gli aggiornamenti sui casi di COVID-19 in Algeria sono disponibili qua: Ministère de la Santé - point de situation

Si segnalano alcune delle misure principali in vigore:

  • Confinamento a domicilio:  a partire dal 20 ottobre 2021, la misura del confinamento parziale obbligatorio a domicilio è stata rimossa da tutto il territorio nazionale.
  • Resta invece l'obbligo di rispettare tutte le misure di precauzione sanitaria e di indossare una mascherina protettiva per la strada e in tutti i luoghi pubblici, sui luoghi di lavoro e negli spazi (aperti o chiusi) in cui è previsto ricevimento di pubblico (Amministrazioni pubbliche; servizi pubblici; attività commerciali). Resta inoltre vigente il divieto di ogni tipo di assembramento di persone.

Per una lista esaustiva delle misure in vigore si rimanda alle Gazzette Ufficiali disponibili qua .

Il numero verde 3030 è raggiungibile 24H/24 ogni giorno per avere informazioni e consigli relativi al coronavirus. Le persone che manifestino sintomi quali febbre e tosse sono invitate ad isolarsi immediatamente e a chiamare il numero verde 3030. Si ricorda altresì il numero di emergenza della Protezione Civile: 1021 o 14.

Si raccomanda ai connazionali in Algeria di attenersi scrupolosamente alle misure di prevenzione raccomandate dalle Autorità locali e di rispettare le decisioni restrittive prese per limitare la diffusione del coronavirus.

AGGIORNAMENTO 03/06/2020: L'insieme dei titoli di soggiorno (proroga della carta di soggiorno; ricevute della domanda del titolo di soggiorno; visti e proroga dei visti) la cui validità sia scaduta o scada durante il periodo di confinamento e di chiusura delle frontiere sono prorogati in modo automatico e senza alcuna formalità amministrativa. Ciò fino al termine delle misure restrittive legate all'emergenza COVID e alla riapertura delle frontiere. Si precisa che tale misura si applica esclusivamente a chi si trovi già in Algeria e che vi sia rimasto bloccato senza mai uscire dal Paese, consentendo in tal modo la proroga automatica della regolarità del soggiorno sul territorio nazionale. Non si applica, invece, in caso di necessità di reingresso in Algeria. Si attira al riguardo l'attenzione dei connazionali che a partire dal 1 giugno 2021 le Autorità algerine hanno decretato la parziale riapertura delle frontiere algerine.

 

Per maggiori informazioni:

Viaggiare Sicuri - Scheda Algeria  / Si raccomanda di registrarsi e di scaricare la APP dell’Unità di Crisi

http://www.sante.gov.dz/prevention/483-coronavirus-2020.html

http://www.aps.dz/algerie/tag/Covid19?start=0

Gazzette Ufficiali

 

2) COLLEGAMENTI INTERNAZIONALI E CON L’ITALIA: MISURE RESTRITTIVE VIGENTI PER I VIAGGI VERSO L'ALGERIA

A seguito delle decisioni delle Autorità algerine relative alla parziale riapertura delle frontiere nazionali in vigore a partire dal 1 giugno 2021, si invita a consultare la seguente pagina: https://ambalgeri.esteri.it/ambasciata_algeri/it/ambasciata/news/dall_ambasciata/2021/05/parziale-riapertura-delle-frontiere.html

 

3) INFORMAZIONI E CONDIZIONI PER L'INGRESSO IN ITALIA PER CITTADINI ITALIANI E STRANIERI

Si invita a consultare l'apposito Focus del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale: Focus sugli spostamenti dall'estero all'Italia e dall'Italia verso l'estero

E' possibile inoltre compilare un breve questionario per ottenere informazioni "personalizzate" in merito alla normativa vigente in Italia in materia di spostamenti da/per l'estero: Questionario informativo Viaggiare Sicuri

Si attira l'attenzione sull'ordinanza del Ministero della Salute 29 luglio 2021 che introduce l'obbligo per chi faccia ingresso in Italia da una serie di Paesi tra cui l'Algeria, di esibire al vettore all'atto dell'imbarco certificazione di essersi sottoposto a test molecolare o antigenico nelle 72 ore precedenti. Inoltre, l'ordinanza riduce a 10 giorni il periodo di isolamento fiduciario da osservare dal momento del rientro in Italia, ma con obbligo di sottoporsi ad ulteriore test molecolare o antigenico al termine dello stesso. Infine, l'ordinanza prevede l'obbligo, prima dell'ingresso in Italia, di compilare un modulo di localizzazione in formato digitale. Un elenco, non esaustivo, di laboratori e cliniche che effettuano test Covid-19 in Algeria è disponibile sempre in questa pagina.

L'ordinanza del Ministro della Salute del 28 agosto 2021 ha prorogato le misure previste dall'ordinanza del 29 luglio fino al 25 ottobre 2021. 


Le principali norme attualmente in vigore sono:

 

 

Per ulteriori informazioni, è possibile consultare anche questa sintesi delle misure restrittive vigenti per gli ingressi in Italia https://ambalgeri.esteri.it/ambasciata_algeri/it/ambasciata/news/dall_ambasciata/2021/07/riapertura-parziale-delle-frontiere.html, disponibile anche in francese https://ambalgeri.esteri.it/ambasciata_algeri/fr/ambasciata/news/dall_ambasciata/2021/07/riapertura-parziale-delle-frontiere.html

For information in english, you can read the following page:  Focus on Italian nationals returning to Italy and foreigners in Italy (Italy's Ministry of Foreign Affairs)

 

4) INFORMAZIONI SULL’OPERATIVITA’ DEI SERVIZI CONSOLARI E SUL RILASCIO DEI VISTI D'INGRESSO

- Erogazione dei servizi consolari

- Erogazione servizi relativi ai visti d'ingresso

 

5) VACCINAZIONE DEI CITTADINI ITALIANI IN ALGERIA

Il Ministero della Salute italiano informa che tutti i connazionali all’estero che sono regolarmente iscritti al Sistema Sanitario Nazionale saranno progressivamente inclusi nella campagna vaccinale italiana, secondo l’ordine progressivo e le modalità previsti sulla base dei criteri disposti a livello nazionale. Per maggiori informazioni, si invita a consultare il sito internet del Ministero della Salute a questa pagina.

In data 1 aprile 2021 il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ha sottoscritto un protocollo con il Ministero della Salute e con l’Agenzia Italiana del Farmaco, che indica la procedura per l’accesso alla vaccinazione anti SARS-CoV-2/COVID-19 per i soggetti aventi diritto ai sensi dell’articolo 2 del DPR 31 luglio 1980 n. 618. Tra tali soggetti rientrano quei connazionali, regolarmente iscritti al Sistema Sanitario Nazionale, che rientrano in una serie di categorie quali i lavoratori temporanei, i lavoratori che abbiano temporaneamente perso il lavoro, i titolari di pensione italiana o di borsa di studio, dipendenti dello Stato e loro familiari.
Si riporta in questo allegato la versione vigente dell’art. 2 del DPR 618/1980.

In data 24 aprile 2021 il Commissario straordinario per l’emergenza Covid-19 ha adottato l’ordinanza n. 7/2021 (disponibile qui), la quale prevede disposizioni circa la somministrazione dei vaccini per la prevenzione delle infezioni da SARS-CoV-2 a individui non iscritti al Servizio Sanitario Nazionale. L’articolo 1 dell’ordinanza stabilisce che nel rispetto del principio di reciprocità e tenuto conto dei criteri e delle indicazioni fornite dal Piano strategico dei vaccini per la prevenzione delle infezioni da SARS-CoV-2, come modificato e integrato dalla citata ordinanza n. 6 del 2021, sono ammesse alla somministrazione del vaccino anti SARS-CoV-2 le seguenti categorie di soggetti non iscritti al Servizio Sanitario Nazionale: a) i cittadini italiani iscritti all’A.I.R.E. (Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero), che vivono temporaneamente sul territorio nazionale; b) i dipendenti delle Istituzioni dell’Unione Europea e i relativi famigliari a carico e il personale delle medesime Istituzioni in quiescenza che vivono sul territorio nazionale; c) gli agenti diplomatici e il personale tecnico-amministrativo delle missioni diplomatiche e i relativi famigliari a carico che vivono sul territorio nazionale; d) il personale di enti e organizzazioni internazionali e i relativi famigliari a carico e il personale dei medesimi enti e organizzazioni in quiescenza che vivono sul territorio nazionale. In data 17 maggio 2021 sono state adottate le modalità tecniche attuative, a beneficio delle Regioni. E’ previsto che le Regioni e le Province autonome adeguino le proprie procedure per consentire l'inserimento dei cittadini iscritti all'AIRE tra i beneficiari di vaccinazione e definire le misure per la somministrazione agli aventi diritto. Si invitano pertanto gli interessati a consultare i siti regionali adibiti alla prenotazione della vaccinazione, controllando se rientrino nei criteri di priorità e di rischio previsti (laddove la Regione di riferimento abbia già provveduto ad aggiornare il proprio portale per consentire l'accesso alla vaccinazione per gli iscritti AIRE temporaneamente in Italia). Tramite un servizio telematico dedicato, una volta aggiornati i rispettivi portali, la verifica sullo stato di iscrizione all'AIRE dei connazionali richiedenti potrà essere effettuata direttamente dalle Regioni e Province autonome, senza necessità di intervento da parte dell’Ambasciata d’Italia ad Algeri.

Infine, le autorità sanitarie algerine hanno confermato l’inclusione degli stranieri residenti nel Paese nel piano di vaccinazione nazionale, secondo l’ordine di priorità stabilito e le quantità disponibili di vaccino. A tal fine, si prega di consultare le informazioni rese note dal Ministero della Salute algerino sul sito internet http://www.sante.gov.dz/ e, in particolare, nelle sezioni dedicate alla campagna vaccinale Covid-19.

Questione del riconoscimento del certificato di avvenuta vaccinazione effettuata in Algeria

Con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) del 17 giugno 2021 (consultabile qui: https://www.governo.it/it/articolo/green-pass-draghi-firma-il-decreto-dal-1-luglio-certificati-validi-tutta-l-ue/17184) sono state definite le modalità di rilascio delle Certificazioni verdi digitali COVID-19, realizzando le condizioni per l’operatività del Regolamento dell’Unione europea sul cosiddetto “Green Pass”.

L’articolo 2 comma 3 del DPCM del 17 giugno 2021 stabilisce che “le certificazioni rilasciate in uno stato terzo a seguito di una vaccinazione riconosciuta nell’Unione europea e validate da uno Stato membro sono riconosciute come equivalenti a quelle rilasciate in ambito nazionale e valide ai fini del presente decreto se conformi ai criteri definiti con circolare del Ministero della Salute.” Si rinvia, inoltre, anche a quanto stabilito dall’art. 5 comma 5 lettere c) e d) del medesimo DPCM.

Per ogni ulteriore informazione, si invita a consultare la pagina, in costante aggiornamento, istituita dal Governo sul Digital Green Certificate e, in particolare, le relative FAQs: https://www.dgc.gov.it/web/faq.html

Solo una volta adottata tale circolare del Ministero della Salute, sarà possibile rendere note le modalità per ottenere il riconoscimento del certificato di avvenuta vaccinazione effettuata in Algeria.

L’Ambasciata d’Italia si riserva, dunque, successive e tempestive comunicazioni.

In data 04/08/2021 è stata adottata dal Ministero della Salute italiano la circolare relativa alle modalità per il rilascio dell'EU Digital Covid Certificate (certificazione verde COVID-19) ai cittadini italiani vaccinati o guariti all'estero. Si invita, al riguardo, a consultare questa pagina del sito internet dell'Ambasciata.

In data 04/11/2021 il Ministero della Salute italiano ha adottato la circolare n. 50269 relativa alle indicazioni per la dose di richiamo in soggetti vaccinati all’estero con un vaccino non autorizzato da EMA. Essa stabilisce che i soggetti vaccinati all’estero con un vaccino non autorizzato da EMA possono ricevere una dose di richiamo con vaccino a m-RNA nei dosaggi autorizzati per il "booster" (30 mcg in 0,3 mL per Comirnaty di Pfizer/BioNTech; 50 mcg in 0,25 mL per Spikevax di Moderna) a partire da 28 giorni e fino a un massimo di 6 mesi (180 gg) dal completamento del ciclo primario. Il completamento di tale ciclo vaccinale integrato è riconosciuto come equivalente ai sensi dell’art. 9, comma 1, lett. b) del decreto legge 22 aprile 2021 n. 52, convertito con modificazioni dalla legge 17 giugno 2021, n. 87.

Superato il termine massimo di 6 mesi dal completamento del ciclo primario con vaccino non autorizzato da EMA, così come in caso di mancato completamento dello stesso, è possibile procedere con un ciclo vaccinale primario completo con vaccino a m-RNA, nei relativi dosaggi autorizzati.

 


384