Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Cooperazione scientifica

 

Cooperazione scientifica


Maggiori informazioni sui programmi in corso sono disponibili al  seguente link :
http://www.esteri.it/mae/it/politica_estera/cooperscientificatecnologica/programmiesecutivi/accordi_programmi_culturali_tecnologici.html   

COOPERAZIONE SCIENTIFICA


La cooperazione scientifica fra Italia e Algeria risale al 1975, quando è stato firmato il primo accordo intergovernativo di cooperazione nel settore scientifico e tecnologico fra i due Paesi. Questo primo trattato è stato sostituito nel giugno del 2002 da un nuovo accordo bilaterale di cooperazione culturale, scientifica e tecnologica entrato in vigore il 25.5.2004. Con esso, Italia e Algeria si sono impegnate a promuovere, sulla base della reciprocità e del mutuo consenso, lo sviluppo della cooperazione scientifica e tecnologica attraverso lo scambio d'informazioni ed esperienze, la realizzazione  di progetti in settori di comune interesse, nonché la organizzazione di conferenze e seminari. Entrambe le Parti contraenti si sono impegnate a privilegiare forme di collaborazione sui seguenti settori:

a) formazione scientifica, tecnica e professionale;

b) collaborazione tra le Università e le Organizzazioni scientifiche e tecnologiche, pubbliche e private dei rispettivi Paesi;

c) nuove fonti di energia e sfruttamento delle risorse naturali;

d) gestione integrata delle risorse idriche;

e) lotta alla desertificazione;

f) diffusione, valorizzazione e trasferimento delle conoscenze e dell'innovazione tecnologica.

Per attuare questa intesa, durante il terzo vertice intergovernativo del maggio 2015 è stato firmato il Protocollo Esecutivo Scientifico e Tecnologico per gli anni 2016 -2018 che, in diversi settori di mutuo interesse (Ambiente ed Energia, ICT, chimica e tecnologie legate alla preservazione dei beni culturali) ha identificato nove progetti congiunti, che potranno beneficiare di fondi per la mobilità dei ricercatori, e quattro progetti di grande rilevanza, per cui saranno possibili finanziamenti aggiuntivi.

23