Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Nuovo coronavirus / COVID-19: informazioni utili.

Data:

10/03/2020


Nuovo coronavirus / COVID-19: informazioni utili.

SITUAZIONE IN ALGERIA

Gli aggiornamenti sui casi di COVID-19 in Algeria sono disponibili qua: Ministère de la Santé - point de situation

Già a partire dal 23 gennaio, le Autorità algerine hanno progressivamente adottato una serie di misure per fare fronte al nuovo coronavirus.

Si segnalano alcune delle misure principali in vigore:

  • Confinamento a domicilio dalle ore 20 alle ore 5 nelle wilaya di Boumerdes, Souk Ahras, Tissemsilt, Djelfa, Mascara, Oum El Bouaghi, Batna, Bouira, Relizane, Biskra, Khenchela, M’sila, Chlef, Sidi Bel Abbes, Médéa, Blida, Bordj Bou Arreridj, Tipaza, Ouargla, Bechar, Alger, Constantine, Oran, Sétif, Annaba, Bejaia, Adrar, Laghouat, El Oued. In alcune di queste wilaya, le Autorità locali possono aver introdotto misure ulteriormente restrittive (ad esempio nella wilaya di Tipasa è attualmente imposto il confinamento dalle 13 alle 5 in 10 comuni; nella wilaya di Setif confinamento dalle 13 alle 5 in 18 comuni; nella wilaya di Ouargla confinamento dalle 17 alle 5 in tutti i comuni).
  • Obbligo di indossare una mascherina protettiva per la strada e in tutti i luoghi pubblici, sui luoghi di lavoro e negli spazi (aperti o chiusi) in cui è previsto ricevimento di pubblico (Amministrazioni pubbliche; servizi pubblici; attività commerciali).ù
  • Sospensione di tutti i collegamenti internazionali (aerei e marittimi) e chiusura delle frontiere terrestri.
  • Da venerdì 10 luglio, divieto di circolazione da e per le seguenti wilaya (gli spostamenti all'interno della wilaya restano possibili): Boumerdes, Souk Ahras, Tissemsilt, Djelfa, Mascara, Oum El Bouaghi, Batna, Bouira, Relizane, Biskra, Khenchela, M’sila, Chlef, Sidi Bel Abbes, Médéa, Blida, Bordj Bou Arreridj, Tipaza, Ouargla, Bechar, Alger, Constantine, Oran, Sétif, Annaba, Bejaia, Adrar, Laghouat, El Oued.
  • Da venerdì 10 luglio sospensione del trasporto urbano pubblico e privato (taxi) durante il weekend nelle wilaya di: Boumerdes, Souk Ahras, Tissemsilt, Djelfa, Mascara, Oum El Bouaghi, Batna, Bouira, Relizane, Biskra, Khenchela, M’sila, Chlef, Sidi Bel Abbes, Médéa, Blida, Bordj Bou Arreridj, Tipaza, Ouargla, Bechar, Alger, Constantine, Oran, Sétif, Annaba, Bejaia, Adrar, Laghouat, El Oued.

Si attira l'attenzione sul fatto che sono previste sanzioni penali in caso di violazione delle suddette misure.

Per una lista esaustiva delle misure in vigore si rimanda alle Gazzette Ufficiali disponibili qua o ai link riportati di seguito in pdf.

Il numero verde 3030 è raggiungibile 24H/24 ogni giorno per avere informazioni e consigli relativi al coronavirus. Le persone che manifestino sintomi quali febbre e tosse sono invitate ad isolarsi immediatamente e a chiamare il numero verde 3030. Si ricorda altresì il numero di emergenza della Protezione Civile: 1021 o 14.

AGGIORNAMENTO 03/06/2020: L'insieme dei titoli di soggiorno (proroga della carta di soggiorno; ricevute della domanda del titolo di soggiorno; visti e proroga dei visti) la cui validità sia scaduta o scada durante il periodo di confinamento e di chiusure delle frontiere sono prorogati in modo automatico e senza alcuna formalità amministrativa. Ciò fino al termine delle misure restrittive legate all'emergenza COVID e alla riapertura delle frontiere.

 

Per maggiori informazioni:

Viaggiare Sicuri - Scheda Algeria  / Si raccomanda di registrarsi e di scaricare la APP dell’Unità di Crisi

http://covid19.sante.gov.dz/fr/acceuil/

http://www.sante.gov.dz/coronavirus/coronavirus-2019.html

http://www.aps.dz/algerie/tag/Covid19?start=0

Gazzetta ufficiale 21 marzo 2020 (PDF)

Gazzetta ufficiale 24 marzo 2020 (PDF)

Gazzetta ufficiale 28 marzo 2020 (PDF)

Gazzetta ufficiale 5 aprile 2020 (PDF)

Gazzetta ufficiale 27 aprile 2020 (PDF)

Gazzetta ufficiale 14 maggio 2020 (PDF)

Gazzetta ufficiale 21 maggio 2020 (PDF)

Gazzetta ufficiale 30 maggio 2020 (PDF)

Gazzetta ufficiale 7 giugno 2020 (PDF)

Gazzetta ufficiale 14 giugno 2020 (PDF)

 

MISURE RESTRITTIVE PER CHI RIENTRA IN ITALIA

DPCM 11 giugno 2020 (in particolare artt. 4,5,6)

DL 16 maggio 2020, n.33

Autodichiarazione giustificativa dello spostamento in caso di entrata in Italia dall'estero

A partire dal 1 luglio, i cittadini italiani, i cittadini UE, gli stranieri residenti in un Paese UE e i loro familiari (coniugi, uniti civilmente, partner convivente di fatto, figli a carico di età inferiore a 21 anni, ascendenti a carico) possono liberamente entrare nel territorio italiano, senza necessità di giustificare le ragioni del viaggio.

Anche i residenti in Algeria, Australia, Canada, Georgia, Giappone, Montenegro, Marocco, Nuova Zelanda, Ruanda, Serbia, Repubblica di Corea, Tailandia, Tunisia, Uruguay possono entrare liberamente in Italia senza dover giustificare le ragioni del viaggio.

Tuttavia, per gli ingressi in Italia da Paesi diversi da Paesi dell’Unione europea, Paesi parte dell’accordo di Schengen, Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del nord, Andorra, Principato di Monaco, Repubblica di San Marino o Stato della Città del Vaticano, quindi anche per gli ingressi dall'Algeria, resta l’obbligo di isolamento fiduciario.

Chi rientra in Italia dall'Algeria, anche se asintomatico, dovrà quindi comunicare immediatamente l’ingresso nel territorio nazionale al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio, è sottoposto a sorveglianza sanitaria e a isolamento fiduciario per 14 giorni e deve segnalare tempestivamente all’autorità sanitaria l’eventuale insorgenza di sintomi da COVID-19. La sorveglianza sanitaria e l'isolamento fiduciario non si estendono ai componenti del nucleo familiare eventualmente già presenti in Italia. La quarantena deve essere fatta da chiunque rientri in Italia, anche con mezzo privato.

L'isolamento può essere trascorso anche in un luogo diverso dalla propria abitazione, scelto dall'interessato. Se qualcuno, arrivando in Italia, non ha luogo dove passare la quarantena o non riesce a raggiungerlo (es. non può farsi venire a prendere, non trova una stanza d'albergo ecc.), allora deve trascorrere il periodo di isolamento in luogo deciso dalla Protezione Civile, con spese a carico dell'interessato.

Sono esclusi dall'obbligo di isolamento fiduciario di 14 giorni:

  • equipaggio dei mezzi di trasporto;
  • personale viaggiante;
  • cittadini e residenti nell'UE, negli Stati parte dell'accordo di Schegen, in Andorra, Principato di Monaco, Repubblica di San Marino, Stato della Città del Vaticano e nel Regno Unito che facciano ingresso in Italia per comprovati motivi di lavoro;
  • personale sanitario in ingresso in Italia per l'esercizio di qualifiche professionali sanitarie;
  • lavoratori transfrontalieri in ingresso e in uscita dal territorio nazionale per comprovati motivi di lavoro e per il conseguente rientro nella propria residenza, abitazione o dimora;
  • personale di imprese aventi sede legale o secondaria in Italia per spostamenti all'estero per comprovate esigenze lavorative di durata non superiore a 120 ore;
  • movimenti da e per la Repubblica di San Marino o lo Stato della Città del Vaticano;
  • funzionari e agenti, comunque denominati, dell'UE o di organizzazioni internazionali, agenti diplomatici, personale amministrativo e tecnico delle missioni diplomatiche, funzionari e impiegati consolari, personale militare nell'esercizio delle loro funzioni;
  • alunni e studenti per la frequenza di un corso di studi in uno Stato diverso da quello di residenza, abitazione o dimora, nel quale rientrano ogni giorno o almeno una volta alla settimana.

Il transito in aeroporto (per prendere un altro volo per altra destinazione nazionale o internazionale) è consentito, purché non si esca dall'area aeroportuale. Lo spostamento verso la destinazione finale deve essere sempre giustificato da esigenze di lavoro, salute o assoluta urgenza.

Per i transiti e soggiorni di breve durata in Italia (per un periodo non superiore a 120 ore), si prega di consultare l'art. 5 del DPCM 11 giugno 2020.

Si sottolinea che tali disposizioni si applicano a chiunque (fatte salve le categorie di persone elencate sopra) provenga direttamente da uno Stato non incluso nell'art.6 comma 1 del DPCM 17 maggio 2020 (quindi anche a chi proviene dall'Algeria) o comunque a chiunque (fatte salve le categorie di persone elencate sopra) abbia soggiornato in uno di questi Stati nei 14 giorni anteriori all'ingresso in Italia (a titolo di esempio, un individuo che dall'Algeria si rechi in Francia e che dalla Francia di rechi in Italia dopo meno di 14 giorni, dovrà comunicare il proprio ingresso in Italia all'ASL e sottoporsi a regime di sorveglianza sanitaria e isolamento fiduciario).

 

Per maggiori informazioni:

FAQ MAECI Cittadini italiani in rientro dall'estero e stranieri in Italia

FAQ Governo "Fase 2"

FAQ English: https://www.esteri.it/mae/en/ministero/normativaonline/decreto-iorestoacasa-domande-frequenti/focus-cittadini-italiani-in-rientro-dall-estero-e-cittadini-stranieri-in-italia.html

FAQ Français: https://www.esteri.it/mae/it/ministero/normativaonline/decreto-iorestoacasa-domande-frequenti/focus-citoyens-italiens-qui-retournent-en-italie-et-etrangers-en-italie.html

 

COLLEGAMENTI CON L’ITALIA

L’Algeria ha sospeso fino a data da destinarsi tutti i collegamenti aerei con l’Italia a partire dal 15 marzo. Inoltre, dal 19 marzo sono stati sospesi tutti i collegamenti aerei e marittimi internazionali ed è stata disposta la chiusura di tutte le frontiere terrestri.

A fine giugno le Autorità algerine hanno affermato che la chiusura delle frontiere perdurerà fino al termine dell'emergenza sanitaria. Non sono ancora note le eventuali misure restrittive (es. obbligo isolamento fiduciario) che saranno adottate nei confronti di chi faccia ingresso in Algeria dall'estero una volta riaperte le frontiere.

Con tre voli speciali operati da Alitalia sabato 21 marzo (2 voli) e domenica 19 aprile, l’Ambasciata, in collaborazione con l'Unità di Crisi della Farnesina, ha consentito il rientro in Italia di 383 persone rimaste bloccate nel Paese a seguito della sospensione improvvisa e immediata dei collegamenti internazionali, tra i quali tutti gli italiani che ne hanno fatto domanda, oltre ad alcuni stranieri residenti in Italia. Di tali voli speciali, l'Ambasciata ha dato ampia informazione su tutti i canali istituzionali. In attesa che le Autorità algerine decidano la riapertura dei collegamenti internazionali, secondo l'evoluzione del COVID-19, non sono al momento previsti ulteriori voli speciali di rimpatrio.

Numerosi altri connazionali bloccati in Algeria, inoltre, hanno fatto rientro in Italia negli scorsi mesi grazie anche ai dispositivi di rimpatrio (aerei e marittimi) predisposti da altre Ambasciate europee in Algeria. L'Ambasciata resta a disposizione per ogni informazione al riguardo: è possibile contattare l'indirizzo mail connazionali.algeri@esteri.it 

 

Si raccomanda ai connazionali in Algeria di attenersi scrupolosamente alle misure di prevenzione raccomandate dalle Autorità locali e di rispettare le decisioni restrittive prese per limitare la diffusione del coronavirus.

 

AGGIORNAMENTO 03/06/2020: Per quanto riguarda la regolarità dei propri titoli di soggiorno in Algeria, si ricorda a tutti i connazionali che l'insieme dei titoli di soggiorno (proroga della carta di soggiorno; ricevute della domanda del titolo di soggiorno; visti e proroga dei visti) la cui validità sia scaduta o scada durante il periodo di confinamento e di chiusure delle frontiere sono prorogati in modo automatico e senza alcuna formalità amministrativa. Ciò fino al termine delle misure restrittive legate all'emergenza COVID e alla riapertura delle frontiere.

 

INFORMAZIONI SULL’OPERATIVITA’ DEI SERVIZI CONSOLARI E SUL RILASCIO DEI VISTI D'INGRESSO

- Erogazione servizi consolari

- Erogazione servizi relativi ai visti d’ingresso


384