Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Notifiche all’estero

L’attività di notificazione è una fase fondamentale dei processi civili, penali, tributari, amministrativi, fallimentari e del lavoro, nonché di alcune fasi pre-processuali o amministrative, che dà la conoscenza legale di un provvedimento mediante la consegna di un atto, giudiziario o extragiudiziario, da parte di un particolare soggetto notificatore, secondo precise modalità.

Si distingue tra notifiche a soggetti italiani (persone fisiche o giuridiche) residenti all’estero e notifiche a soggetti stranieri (persone fisiche o giuridiche) residenti all’estero.

Per la circoscrizione consolare della Repubblica Algerina Democratica e Popolare vale quanto di seguito indicato.

 

NOTIFICHE A SOGGETTI ITALIANI (PERSONE FISICHE O GIURIDICHE) RESIDENTI IN ALGERIA

Ai sensi dell’art. 37 del D. Lgs. 71/2011, l’ufficio consolare provvede, direttamente o tramite le autorità locali, in conformità alle disposizioni in materia di cooperazione giudiziaria dell’Unione europea, alle convenzioni internazionali e alle leggi dello Stato di residenza, alla notificazione degli atti ad esso rimessi a norma delle vigenti disposizioni.

In caso di notifica a destinatari che abbiano la sola cittadinanza italiana non è necessaria la traduzione degli atti da notificare.

La richiesta di notifica deve essere trasmessa all’Ambasciata (PEO: anagrafe.algeri@esteri.it; PEC: amb.algeri.pass@cert.esteri.it) a cura dell’Autorità giudiziaria italiana competente (o di uno studio legale a ciò autorizzato) e deve contenere: numero di protocollo; data, timbro e firma del richiedente; PEC oppure e-mail dell’Ufficio richiedente; copia degli atti da notificare.

Secondo le disposizioni vigenti, l’ufficio consolare provvederà ad effettuare la notifica sulla base delle coordinate (anagrafiche, indirizzo di residenza, contatti) in sua conoscenza o forniti dal soggetto richiedente, al quale sarà comunicato, una volta terminata l’istruttoria, l’esito della notifica.

 

NOTIFICHE A SOGGETTI STRANIERI (PERSONE FISICHE O GIURIDICHE) RESIDENTI IN ALGERIA

Ai sensi dell’art. 142 c.p.c., le Convenzioni internazionali in materia prevalgono rispetto alla disciplina codicistica. Tra Italia e Algeria sono vigenti le seguenti Convenzioni bilaterali, firmate il 22 luglio 2003:

  • Convenzione in materia di assistenza giudiziaria civile e commerciale tra il Governo della Repubblica italiana ed il Governo della Repubblica Algerina Democratica e Popolare (consultabile qui);
  • Convenzione in materia di assistenza giudiziaria penale tra il Governo della Repubblica italiana ed il Governo della Repubblica Algerina Democratica e Popolare (consultabile qui) .

I testi delle due Convenzioni bilaterali sono consultabili in francese sulla Gazzetta Ufficiale algerina a questo link. Si segnala che la Convenzione bilaterale in materia di estradizione non è ancora entrata in vigore.

In materia civile e commerciale, la Convenzione prevede (art. 12) che gli atti giudiziari ed extra giudiziari da notificare vengono trasmessi direttamente dalle autorità centrali competenti (Ministero della Giustizia) di ciascuna delle Parti. In base alla prassi, è comunque possibile la trasmissione per via diplomatica. Anche in materia penale la Convenzione stabilisce che la trasmissione avvenga tra Ministeri della Giustizia oppure per via diplomatica.

In tal caso, essa ha luogo per il tramite dell’Ambasciata d’Italia ad Algeri attraverso le competenti autorità locali. In questa circostanza, l’atto da notificare deve essere trasmesso all’Ambasciata d’Italia ad Algeri dall’Autorità giudiziaria competente o dal Ministero della Giustizia italiano. L’Ambasciata d’Italia ad Algeri cura, quindi, l’inoltro per via diplomatica alle autorità algerine competenti.

La prova dell’avvenuta consegna è data da una ricevuta datata e firmata dal destinatario o da un’attestazione dell’autorità richiesta dalla quale risultino l’atto, la modalità e la data di consegna.

In ogni caso, è obbligatorio che tanto l’atto di notifica quanto gli atti da notificare siano muniti di una traduzione in francese. Si richiede, inoltre, che la domanda di notificazione sia trasmessa con ragionevole anticipo rispetto alla data utile per la notificazione della stessa, soprattutto in caso di notifica per via diplomatica, in considerazione dei tempi che può prendere tale procedura.

 

APPROFONDIMENTI

Per maggiori informazioni sulle notifiche all’estero, si invita a consultare il sito internet del Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale a questa pagina.

Per maggiori informazioni sulle modalità di cooperazione giudiziaria internazionale tra Italia e Algeria si invita a consultare le Convenzioni bilaterali o, eventualmente, a contattare l’Ambasciata d’Italia ad Algeri.