Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

CITTADINANZA: COMPILAZIONE E PRESENTAZIONE ON LINE DELLE ISTANZE DI CONFERIMENTO DELLA CITTADINANZA ITALIANA EX ARTT. 5 e 9,  DELLA LEGGE N. 91/92.

Il Ministero dell’Interno ha reso noto che, a partire dal 18 maggio 2015, il richiedente compilerà on line la domanda di cittadinanza utilizzando le credenziali di accesso ricevute a seguito di registrazione sul portale dedicato e la trasmetterà in formato elettronico, unitamente alla necessaria documentazione.
IL PORTALE  “ALI “ DEL MINISTERO DELL’INTERNO SARA’ ATTIVO DAL PROSSIMO 18.05.2015.
Nel periodo “transitorio”, cioè dal 18 maggio 2015 al 31 luglio 2015, sarà possibile acquisire ancora le domande compilate su modello cartaceo. Dal 01.08.2015, invece, ESCLUSIVAMENTE per via INFORMATICA.
Adempimenti dell’istante:
– raggiungere  il  portale dedicato denominato “ALI” tramite il link: https://cittadinanza.dlci.interno.it, registrarsi ed accedervi mediante le credenziali ricevute;;
– inserire i dati anagrafici indicati nell’atto di nascita, che verranno automaticamente riportati nel modulo domanda di cittadinanza (in caso di inserimento errato sarà necessario cancellare la registrazione al portale ed effettuare una nuova registrazione);
– dopo aver effettuato l’accesso al portale, accedere alla sezione “cittadinanza” ;
– procedere selezionando il sottomenù ” gestione della domanda”;
– selezionare il modello: AE (per cittadini stranieri residenti all’estero – Art. 5 – richiesta per matrimonio con cittadino italiano), ovvero, BE (per cittadini stranieri residenti all’estero – Art. 9 lett. C);
compilare tutti i campi e caricare i quattro documenti obbligatori per effettuare la richiesta di cittadinanza: 1) estratto dell’atto di nascita del Paese di origine, 2) certificato penale del Paese di origine e di eventuali Paesi terzi di residenza a partire dai 14 anni di età, 3) ricevuta di versamento del contributo di euro 200 di cui alla legge 15/07/2009 n. 94 ; 4) documento di riconoscimento;
(predetto versamento  può  essere effettuato  mediante BONIFICO ESTERO oppure tramite circuito EUROGIRO (circuito esistente tra organizzazioni postali aderenti)   sul CONTO  CORRENTE  POSTALE intestato a: MINISTERO DELL’INTERNO  -D.L.C.I. – CITTADINANZA causale del versamento: “istanza cittadinanza italiana per matrimonio”
CODICE IBAN relativo al Conto Corrente medesimo: IT54D0760103200000000809020
CODICE BIC/SWIFT di POSTE ITALIANE:
per bonifici esteri: BPPIITRRXXX
per operazioni EUROGIRO: PIBPITRA);

– l’utente potrà salvare, modificare, eliminare, oppure inviare la domanda completata;
– dopo l’invio della domanda, verrà generato un documento riepilogativo e la ricevuta d’invio.
La domanda sarà quindi sottoposta ai controlli e alle verifiche necessarie ai fini dell’accettazione o del rifiuto.
La domanda accettata con riserva sarà sottoposta a  integrazioni che verranno richieste attraverso l’indirizzo mail indicato dall’utente al momento della registrazione.
La domanda rifiutata non sarà inserita.
La domanda completa sarà accettata e dalla data di presentazione-inserimento online comincerà a decorrere il termine di 730gg per il conferimento della cittadinanza italiana.
In tutti e tre i casi,  il sistema invierà automaticamente al richiedente una mail all’indirizzo indicato al momento della registrazione, nonché una comunicazione al profilo utente creato sul portale ALI relativamente all’accettazione o al rifiuto della domanda.
Dopo l’avvio del procedimento, quest’Ambasciata procederà alla convocazione del richiedente per l’identificazione dello stesso e per la verifica e l’acquisizione ai propri atti della documentazione in originale già presentata per via telematica, nonché di ogni altro documento necessario.
Il sistema invierà al richiedente la comunicazione di convocazione sul portale ALI.
NOTA BENE:
i documenti da allegare alla domanda e gli eventuali ed ulteriori atti acquisiti dovranno essere legalizzati e tradotti in lingua italiana conformemente a quanto prescritto dalle norme in materia di legalizzazione e traduzione. Verrà inoltre richiesta la percezione consolare prevista per l’autentica della firma dell’istante nei casi previsti dalla legge.